PERCHE' SCEGLIERE CAMPA

  • Perché scegliere Campa
 

Vantaggi

  • Fornisce coperture per il rimborso delle spese mediche, per ricoveri, interventi, accertamenti diagnostici, visite specialistiche, odontoiatria.
  • Ha una rete di strutture sanitarie convenzionate dove eseguire le prestazioni senza anticipo della spesa e senza liste di attesa.
  • Offre una soluzione per ogni diversa esigenza di copertura sanitaria.
  • Garantisce assistenza per tutta la vita.
  • I contributi associativi sono fiscalmente detraibili.
 
 

Diventare
Soci

Diventare Soci CAMPA significa:

• Essere previdenti
perché versando dei contenuti contributi associativi si può usufruire di un fondo che provvede a tutte le eventuali necessità di prevenzione diagnostica e di assistenza sanitaria.

• Ottenere il rimborso delle spese sanitarie
sostenute sia in caso di ricovero sia per prestazioni diagnostiche.

• Beneficiare di prestazioni sanitarie senza anticipo della spesa
o a costi ridotti e senza liste di attesa presso i numerosi centri convenzionati.

• Risparmiare
perché la CAMPA non ha scopo di lucro, inoltre i contributi associativi sono detraibili dalle imposte al 19% fino a 1.291,14 Euro (art 15 lett i bis TUIR. DPR 917/1986).

• Poter essere assistiti per tutta la vita

perché una volta iscritti (la prima iscrizione è possibile fino al 70° anno di età, ma le persone che non hanno già compiuto 70 anni possono iscrivere i propri familiari ultrasettantenni) la CAMPA non esercita diritti di recesso legati all'età o a particolari patologie.

 
 

Differenze con
Polizze
Assicurative

Comunemente nel linguaggio corrente si tende a confondere il rapporto associativo che esiste in una Mutua Sanitaria Integrativa con quello assicurativo che si instaura allorché si stipula una polizza malattia con una Compagnia di Assicurazione.

Nel contratto assicurativo l’assicurato trasferisce in capo all’assicuratore in cambio di una somma di denaro (premio) un rischio. Il rischio è quello derivante dal pagare le spese necessarie a ripristinare o garantire la propria salute a seguito di un evento patologico (sinistro). L’assicuratore è un imprenditore il quale assume questo rischio a fronte del quale potrà ricavare un guadagno (nel caso l’ammontare dei sinistri da risarcire sia inferiore ai premi) o una perdita nel caso opposto. Ci troviamo pertanto nell’area classica delle attività di tipo imprenditoriale commerciale.

Nelle Mutue Sanitarie Integrative invece i Soci partecipano equamente a costituire un fondo che servirà per offrire un aiuto o una tutela a chi si troverà nella necessità di affrontare delle spese mediche, e pertanto accettano di suddividere il rischio di sostenere spese sanitarie con quello di tutti gli altri Soci.
Il Fondo mutualistico non ha scopo lucrativo, pertanto i contributi che i Soci sono chiamati a versare sono solo quelli necessari a garantire le prestazioni di cui i Soci avranno bisogno, oltre che a coprire i contenuti costi di gestione. Non vi è pertanto una finalità commerciale ma esclusivamente assistenziale.
Ma quali sono quindi in concreto gli elementi sostanziali che le distinguono?

CAMPA MUTUA SANITARIA INTEGRATIVA

ORGANIZZAZIONE VOLONTARIA “SELF HELP” CHE SI AUTOGESTISCE SENZA FINI DI LUCRO

ASSISTE I SOCI PER TUTTA LA VITA

NON RECEDE MAI DAL RAPPORTO ASSOCIATIVO SOLO IL SOCIO PUO FARLO ALLE SCADENZE

COMPAGNIA DI ASSICURAZIONE

IMPRESA COMMERCIALE CHE a fronte della prestazione di un servizio deve trarre profitti

CESSA LA COPERTURA A 70/75 ANNI PERCHÈ ASSISTERE GLI ANZIANI È ANTIECONOMICO

RECEDE LA POLIZZA AL VERIFICARSI DI UN SINISTRO PERCHÈ NON HA CONVENIENZA AD ASSICURARE

 

Chi offre più garanzie? A voi giudicare.
Molto spesso le compagnie di assicurazione, anche se prospettano un livello di copertura estremamente elevato in termini di massimali per i grandi eventi chirurgici (specie quando si è giovani e sani, attesa la scarsa probabilità del verificarsi di gravi malattie) al primo sinistro recedono dalla polizza. Inoltre le polizze non si rivelano strumenti efficaci per coprire le prestazioni diagnostiche specie quando con il passare degli anni si incomincia ad avere bisogno di una costante attività di prevenzione medica.

Le coperture mutualistiche sono invece in grado di offrire un aiuto più realistico e vicino alle esigenze assistenziali delle persone, garantendo un giusto mix tra la tutela per i grandi eventi chirurgici e le periodi che necessità di cura e prevenzione.
Dal punto di vista etico la mutualità esprime inoltre un valore in più, perché grazie alla solidarietà di tutti i Soci offre assistenza a persone altrimenti escluse da ogni forma di integrazione sanitaria.

 
 

Detraibilità
Fiscale

Detraibilità fiscale dei contributi dalle imposte
ISCRIZIONE VOLONTARIA:
I contributi associativi  versati alla CAMPA sono detraibili dalle imposte.


Dal 1998 i contributi associativi versati dai Soci alle Società di Mutuo Soccorso operanti nei settori previsti dall'art. 1 della legge 3818 del 1886 qual è CAMPA, sono detraibili dalle imposte fino al massimale di € 1.291,14.

Nel D.Lgs 460/97 (Riordino della disciplina tributaria degli enti non commerciali ed Onlus) le Società di Mutuo Soccorso sono state confermate nella definizione di enti non lucrativi. L’art. 13 D.Lgs 460/97 è stato poi recepito all'art. 15 del TUIR (Testo Unico Imposte sui Redditi DPR 917/1986) alla lettera i) bis, che prevede accanto alla detraibilità delle erogazioni effettuate a favore delle ONLUS fino ad un massimo di £. 4 milioni, quella a favore dei contributi associativi versati a Società di Mutuo Soccorso fino ad un massimo di £. 2.500.000 (€ 1.291,14)

N.B.
La detrazione dei contributi associativi versati ad una Società di Mutuo Soccorso è autonoma fino all’importo di € 1.291,14 e non fa cumulo con altre detrazioni previste ad esempio per le polizze vita, infortuni o previdenziali.

E INOLTRE CONDIZIONI AGEVOLATE